Improvvisamente manca il respiro, il cuore palpita talmente forte da sentirne la presenza e una sensazione di morte sopraggiunta fa sprofondare nel terrore: è molto probabile che si tratti di un attacco di panico. La prima volta la paura può prendere il sopravvento, ma il disturbo si può imparare a controllare. “Il disturbo da attacchi di panico o Dap è una sindrome psicopatologica caratterizzata da ripetuti episodi di ansia acuta, la cui durata può variare da qualche minuto fino a un’ora. Un’inaspettata e traumatizzante paura fisica e psicologia si accompagna a sintomi somatici quali palpitazioni, sudorazioni, tremori, dispnea, fastidio al…

Condividi

02/2019
Mai cedere agli attacchi di panico: 8 milioni di italiani hanno sperimentato almeno una volta la sensazione di andare di colpo in tilt: le cause sono molte e non sempre controllabili, ma si può imparare a reagire. La sensazione è di essere sul punto di svenire. Il respiro bloccato in gola, il cuore che batte a mille e il peso di un macigno sul petto. Si inizia a sudare anche se ci si sente gelare. Il tempo si dilata e si teme di impazzire. Poi tutto scompare, ma resta l’angoscia che tutto possa ricominciare da capo. È la paura di…

Condividi

La solitudine sgomenta, e la sua ombra si fa sentire ancor di più quando si avvicina la festa degli innamorati. Sette italiani su dieci, infatti, hanno paura di rimanere soli. Per oltre la metà è importante avere una relazione, però che non sia a distanza "perché è troppo difficile gestirla". E la festa di San Valentino, che ha riempito le vetrine di cuori e fiori, "è un disagio per i single". E' quanto emerge da un sondaggio realizzato per AdnKronos Salute da Eurodap (Associazione europea disturbi da attacchi di panico), che ha voluto indagare su alcuni aspetti delle relazioni d'amore…

Condividi

05/2018
Una libertà....solo apparente Oggi, possiamo contare su un più ampio raggio di azione, ma l’emancipazione spesso è solo apparente. «La libertà è uno stato della mente, è il poter agire e pensare fuori da imposizioni e schemi. Se ragioniamo in questo senso, non è poi così vero che oggi siamo più liberi. Spesso dipendiamo dal giudizio altrui, dal bisogno di imitare certi modelli e dalla necessità di dimostrare qualcosa» spiega la dottoressa Paola Vinciguerra, psicoterapeuta, presidente Eurodap (Associazione europea disturbi attacchi di panico). L’emancipazione femminile (la conquista della parità) Indubbiamente il ’68 ha significato molto per le donne. È anche…

Condividi

12/2018
Spesso, le “cose” che ci fanno stare bene e ci rendono felici sono più alla portata di mano di quanto pensiamo. Abbiamo chiesto un parere alla dottoressa Paola Vinciguerra, psicoterapeuta, presidente Eurodap (Associazione europea disturbi attacchi di panico) e direttore scientifico di Bioequilibrum. Gli italiani sembrano trarre piacere più dalle esperienze che dalle cose materiali. Come mai? Perché nei momenti di profonda destabilizzazione, come quello che stiamo vivendo ora, si tende a mettere in secondo piano i bisogni di riempimento e a ritornare a quelli di protezione, sicurezza, stabilità. così, invece di sentire l’esigenza di possedere oggetti, sentiamo quella di…

Condividi

Il nuovo modello femminile ha scardinato alcuni cliché, come quello che vuole gli uomini legarsi a donne più giovani. Il trend che si sta sviluppando negli ultimi anni ha sicuramente una matrice sociale: la relazione uomo-donna sta cambiando. Una inversione di tendenza, molto diffusa anche tra i vip, che ci viene spiegata dalla psicoterapeuta. Sugli uomini maturi che amano donne più giovani la letteratura non manca. Ma negli ultimi anni sono sempre più numerosi gli uomini che amano donne più mature. Tra i vip gli esempi di coppie dove la donna ha almeno 10 anni più del compagno sono frequenti:…

Condividi

Preoccupazione, ansia, sfiducia, paura. Il nuovo anno, nel pensiero di molti italiani, potrebbe essere ricco di insidie e difficoltà e le aspettative non sono delle migliori. Più del 42% sostiene di non essere per niente riuscito a recuperare le energie per affrontare il 2019; il 33% ha timore che la crisi economica aumenti e il 34% che possa condizionare anche la vita di coppia; il 42% mostra un crescente un atteggiamento di preoccupazione e sfiducia nei confronti del futuro, il 68% teme infine di perdere il lavoro. E’ quanto emerge da un sondaggio svolto dall’Associazione Europea per il Disturbo da…

Condividi

Settimane frenetiche, tra cene di lavoro, dossier da chiudere, fatica di fine anno, stress e corsa ai regali. Ecco che per gli italiani il Natale porta molta stanchezza. Quattro su sei si dicono stressati e scoraggiati quando questa festività è alle porte. E se solo due su dieci preferiscono passare il Natale con gli amici e non in famiglia, quando ci si ritrova con i parenti i conflitti sono dietro l'angolo. Lo rivela un sondaggio Eurodap, Associazione europea disturbi da attacchi di panico, che ha raccolto le opinioni degli italiani sul Natale, attraverso un sondaggio al quale hanno risposto 600…

Condividi

12/2018
Altro che pace, amore e serenità. Le feste natalizie, spesso, diventano l'occasione per riaprire vecchie ferite e far esplodere vere e proprie faide familiari. È in questo periodo dell'anno, va ricordato per comportarsi di conseguenza, che si risvegliano le tensioni familiari, e non solo. "Il periodo di festa coincide con la fine dei dodici mesi, dei bilanci" spiega Paola Vinciguerra, psicoterapeuta, presidente dell'Associazione Europea Disturbi da Attacchi di Panico (Eurodap) e direttore scientifico di Bioequilibrium. "Non va sottovalutato, inoltre, che il periodo delle festività natalizie - aggiunge - è relativamente lungo e le occasioni di sedersi a tavola con parenti…

Condividi

Vigilare su ogni donna. E' questo il consiglio che arriva dalla psicologa e psicoterapeuta Paola Vinciguerra, presidente dell'Associazione Europea Disturbi da Attacchi di Panico (Eurodap), dopo il caso della donna di 26 anni che a Catania ha ucciso il figlioletto di tre mesi gettandolo a terra. La depressione post-partum infatti, avverte l'esperta, "non viene riconosciuta ed è troppo spesso negata sia dalle neo mamme sia dalla famiglia, che invece deve assolutamente vigilare su ogni donna dopo il parto e non banalizzare mai anche quello che può apparire come un periodo di tristezza. Dietro può esserci qualcosa di più profondo che…

Condividi