Settimane frenetiche, tra cene di lavoro, dossier da chiudere, fatica di fine anno, stress e corsa ai regali. Ecco che per gli italiani il Natale porta molta stanchezza. Quattro su sei si dicono stressati e scoraggiati quando questa festività è alle porte. E se solo due su dieci preferiscono passare il Natale con gli amici e non in famiglia, quando ci si ritrova con i parenti i conflitti sono dietro l'angolo. Lo rivela un sondaggio Eurodap, Associazione europea disturbi da attacchi di panico, che ha raccolto le opinioni degli italiani sul Natale, attraverso un sondaggio al quale hanno risposto 600…

Condividi

12/2018
Altro che pace, amore e serenità. Le feste natalizie, spesso, diventano l'occasione per riaprire vecchie ferite e far esplodere vere e proprie faide familiari. È in questo periodo dell'anno, va ricordato per comportarsi di conseguenza, che si risvegliano le tensioni familiari, e non solo. "Il periodo di festa coincide con la fine dei dodici mesi, dei bilanci" spiega Paola Vinciguerra, psicoterapeuta, presidente dell'Associazione Europea Disturbi da Attacchi di Panico (Eurodap) e direttore scientifico di Bioequilibrium. "Non va sottovalutato, inoltre, che il periodo delle festività natalizie - aggiunge - è relativamente lungo e le occasioni di sedersi a tavola con parenti…

Condividi

Vigilare su ogni donna. E' questo il consiglio che arriva dalla psicologa e psicoterapeuta Paola Vinciguerra, presidente dell'Associazione Europea Disturbi da Attacchi di Panico (Eurodap), dopo il caso della donna di 26 anni che a Catania ha ucciso il figlioletto di tre mesi gettandolo a terra. La depressione post-partum infatti, avverte l'esperta, "non viene riconosciuta ed è troppo spesso negata sia dalle neo mamme sia dalla famiglia, che invece deve assolutamente vigilare su ogni donna dopo il parto e non banalizzare mai anche quello che può apparire come un periodo di tristezza. Dietro può esserci qualcosa di più profondo che…

Condividi

“Nella maggior parte dei casi i figlicidi possono essere evitati prestando attenzione ai campanelli d’allarme. Gli omicidi dei propri figli, infatti, vengono compiuti dopo aver lasciato tanti piccoli indizi. Rivolgersi per tempo ad uno specialista è il passo successivo e, in molti casi, l’unico”. Così Paola Vinciguerra psicoterapeuta, presidente Eurodap -Associazione europea disturbi attacchi di panico e direttore scientifico del centro Bioequilibrium, commenta la tragedia consumata a Mantova, dove un uomo ha incendiato la casa dove viveva la moglie perché lei intendeva lasciarlo, causando la morte per soffocamento del figlio 11enne. “Le motivazioni che possono portare ad un figlicidio si…
    L'articolo è presente sui seguenti siti:
  • Askanews

Condividi

Bioequilibrium organizza per il prossimo 24 Novembre (Sabato) - dalle ore 1o alle ore 12 - un brunch gratuito all'interno dello studio di Via Sardegna 55 a Roma. Il brunch viene organizzato in occasione delle festività Natalizie e permetterà ad ognuno di voi di poter ottenere consigli personalizzati e specialistici da parte di tutti i professionisti dello Studio. Problemi di postura, consigli su come gestire lo stress e intervenire su problematiche dermo - estetiche? Nessun problema, l'invito è esteso a tutti ed è totalmente gratuito. Quindi, "save the date" e vi aspettiamo numerosi! Per informazioni: 06/64824008 o info@bioequilibrium.it Ecco la…

Condividi

Una giornata di 24 ore non è sufficiente a portare a termine tutti gli impegni quotidiani. O, almeno, così sembra essere per l’universo femminile: tra il lavoro fuori e dentro casa, sempre più spesso le donne fanno fatica a ottemperare a tutti i compiti della giornata. E lo stress e l’insoddisfazione aumentano. È quanto emerso da un sondaggio condotto dall’Eurodap, l’Associazione europea disturbi da attacchi di panico, su donne e stress. Donne sotto attacco Il sondaggio,condotto su circa 500 donne, ha messo in evidenza che l’80% vive con difficoltà il fatto di dover conciliare i tanti ruoli che si trova…

Condividi

https://www.facebook.com/agenziastampaDIRE/videos/335009173969899/ La festa di Halloween, con i suoi mostri e zombie, "fa bene ai bambini, perchè aiuta ad esorcizzare le paure". A sottolinearlo, alla vigilia della notte 'stregata' tanto attesa dai piccoli, è Paola Vinciguerra, psicoterapeuta e presidente dell'Associazione Europea Disturbi da Attacchi di Panico (Eurodap). 'Dolcetto o scherzetto?', spiega l'esperta, "non solo è una filastrocca per bambini, ma un vero e proprio mantra per esorcizzare la paura dei mostri, della morte e del buio. Se fino a qualche anno fa l'unica occasione che avevano i piccoli per mascherarsi era il carnevale, ora è durante le festa di Halloween che…

Condividi

Nove italiani su 10 sono stressati e la meta’ sottovaluta i sintomi o non se ne preoccupa, ignorando danni e conseguenze causati dallo stress: dolori muscolari, emicrania, herpes labiale, e ancora tachicardia, problemi gastrointestinali, insonnia e depressione che logorano la vita quotidiana. E’ quanto emerge da un sondaggio Eurodap-Associazione europea disturbi da attacchi di panico, condotto su 1000 persone. “Lo stato di continua tensione con cui molti di noi vivono produce cambiamenti fisiologici, un aumento di cortisolo e variazione di alcuni amminoacidi. Se trascurati il corpo si ammala”, spiega la psicoterapeuta Paola Vinciguerra, direttore scientifico di Bioequilibrium e presidente di…

Condividi

Tennis, la psicologa sul caso Serena Williams: il respiro aiuta a gestire la rabbia Agire sul respiro per controllare la rabbia. Lo suggerisce Paola Vinciguerra, psicoterapeuta presidente Eurodap (Associazione Europea Disturbi da Attacchi di Panico e direttore scientifico Bioequilibrium), che interviene sull'episodio che ha visto protagonista la campionessa Serena Williams agli ultimi Us Open. "La rabbia è un'emozione primaria e viene attivata quando si ha la percezione che qualcosa o qualcuno stia intralciando il nostro cammino verso l'obiettivo che ci eravamo prefissati di raggiungere. Ognuno di noi può reagire in maniera diversa e ciò dipende da numerose variabili - dice Vinciguerra…

Condividi

Settembre uguale fine dell’estate. Ma se è comune la pigrizia nel tornare alla quotidianità, per qualcuno il rientro dalle ferie si trasforma in un vero e proprio incubo. Si tratta della sindrome post-vacanze, un malessere fisico ed emotivo che travolge molti italiani. “Mal di testa, fiacchezza, sonno, stordimento, irritabilità sono alcune delle sensazioni che potremmo avvertire durante il primo periodo di ripresa delle attività. Il ‘Post Vacation Blues’ è una sindrome di cui soffre almeno un italiano su dieci tornando dalle ferie”, spiega Paola Vinciguerra, direttore scientifico di Bioequilibrium e presidente di Eurodap (Associazione europea disturbi da attacchi di panico).…
    L'articolo è presente sui seguenti siti:
  • Dire

Condividi