La terra torna a tremare e insieme torna la paura: la sensazione di essere inermi di fronte a un terremoto e l’angoscia per quanto potrebbe accadere può scatenare infatti crisi d’ansia pronte a sfociare in veri e propri attacchi di panico. “L’odore della paura rimane forte. Sono in modo particolare i 40-50enni a rischiare di più gli attacchi di panico, conseguenza della paura di morire, perché hanno il peso delle responsabilità familiari, quindi casa, figli spesso piccoli, genitori anziani; sentire addosso tutto questo può portare a tremende crisi di ansia che possono degenerare”, afferma Paola Vinciguerra, psicoterapeuta, presidente Eurodap, direttore…

Condividi

Italia nella morsa del caldo e la psiche è messa a dura prova. Umidità, afa e temperature bollenti stimolano infatti stress e irritabilità. E se poi la colonnina di mercurio schizza in alto all'improvviso le conseguenze sono anche peggiori: tutto un tratto si perde la capacità di controllo, si affronta la giornata con fatica, con il rischio di dare libero sfogo ad istinti aggressivi. "Questo caldo imprevisto può essere considerato un forte fattore di stress, capace di ridurre le nostre capacità di controllo rispetto agli stimoli ambientali negativi e, in alcune circostanze, può predisporre a comportamenti aggressivi ed impulsivi -…

Condividi

06/2019
Il pericolo è igienico ma anche relazionale. L’immondizia che trabocca ovunque e il degrado che ne consegue, ci fa rispettare meno noi stessi e gli altri. Uscire dal portone di casa e trovarsi davanti cassonetti stracolmi e cumuli di rifiuti abbandonati in strada. Non è un bel sentire per il naso, non è un bel vedere per gli occhi e per l’anima. Già perché il degrado della città è contagioso. «Influisce sull’umore, sull’impatto emotivo, sulle relazioni con l’altro», spiega Paola Vinciguerra, psicoterapeuta, presidente Eurodap - associazione disturbi attacchi di panico e direttore scientifico del centro Bioequilibrium. La mancanza di decoro…

Condividi

Esame di maturità alle porte e tra gli studenti dell’ultimo anno cresce l’ansia da prestazione. Da un sondaggio svolto da Eurodap (Associazione europea disturbi da attacchi di panico) su 472 ragazzi di ambo i sessi, che si avvicinano all’esame, si evince che l’85% presenta ansia, irritabilità e agitazione nel periodo che precede la prestazione: il 66% una riduzione, con conseguente carenza, delle ore di sonno, mentre il 43% dichiara di non riuscire a gestire il tempo a disposizione per poter studiare e integrare anche altre attività quotidiane svolte regolarmente. Cosa succede quando l’ansia è talmente forte da opprimerci “L’ansia è…

Condividi

Michael Phelps ha condiviso su Twitter la sua battaglia contro ansia e depressione nell'ambito del «Mental Health Awareness Month» La terapia gli ha salvato la vita e ora Michael Phelps spera che la sua storia possa servire da esempio a chi soffre di problemi mentali, ma non ha il coraggio, la forza o, semplicemente, la possibilità di chiedere aiuto. Ecco perché il più grande nuotatore di tutti i tempi ha scelto di collaborare con un sito che offre consulenze psicologiche online in occasione del «Mental Health Awareness Month», per aumentare le possibilità di accesso alla terapia professionale. Proprio su Twitter il pluricampione…

Condividi

Che l’ansia possa essere sconfitta anche intervenendo sui batteri intestinali è ormai cosa nota. I probiotici e il mantenimento di una dieta bilanciata hanno entrambi dimostrato di avere un effetto positivo sui sintomi di questo disturbo che colpisce sempre più persone nel mondo. Prima di ricorrere ai probiotici però, un nuovo studio suggerisce di mangiare più frutta e verdura, essendo la mossa più vantaggiosa per stimolare i “batteri buoni”. La ricerca cinese è l’ultima di una lunga serie di studi per collegare la salute mentale ai microrganismi presenti nell’intestino. I ricercatori della Scuola di Medicina dell’Università Jiao Tong di Shanghai…

Condividi

L’Organizzazione mondiale della sanità ha riconosciuto per la prima volta che il “burn out”, lo stress da lavoro o da disoccupazione, è una malattia. Per questo l’ha inserita nella sua classificazione delle malattie utilizzata come punto di riferimento per le diagnosi. Questa la notizia circolata ieri, che aveva fatto pensare ad una svolta storica. Ma a stretto giro è arrivata la precisazione dell’Organizzazione mondiale della sanità, secondo la quale lo stress da lavoro «rimane un fenomeno legato al lavoro che potrebbe portare alla ricerca di cure, ma non è da considerarsi una malattia». L’Oms ha dichiarato di aver «erroneamente» inserito…

Condividi

05/2019
"Addio De Rossi: è come una separazione non voluta in famiglia: dopo Francesco un altro vuoto da colmare" Due anni dopo, un altro bagno di lacrime all’Olimpico. Un altro simbolo va via dalla “famiglia”. Ma con una diversa emozione collettiva». Paola Vinciguerra, psicoterapeuta romana e presidente dell’Associazione europea disturbo da attacchi di panico, per domenica prossima, prevede “un rituale di dolore profondo”, in un’ intervista a cura di Carla Massi su Il Messaggero. Lei parla di “famiglia” e di abbandono, perché? “Che cosa altro sono questi saluti allo stadio? La grande “famiglia” si riunisce per separarsi dal suo “parente” amato. Una separazione non…

Condividi

Lancette in avanti di un’ora ed è subito rischio insonnia e umore nero.Nella notte tra il 30 e il 31 marzo, quando scatterà l’ora legale, il sonno mattutino sarà sacrificato per godere di più luce durante il giorno. E dovremo fare i conti con gli effetti psicofisici della transizione: stanchezza, sonnolenza, irritabilità, affaticamento, scarsa concentrazione, bassa produttività, possono essere solo alcuni dei malesseri dovuti al cambio dei nostri ritmi circadiani. “L’ora legale acutizza problemi psicofisici preesistenti, in individui che hanno difficoltà ad addormentarsi e presentano ansia e depressione, ne influenza il peggioramento- spiega la psicoterapeuta Paola Vinciguerra, presidente di Eurodap,…

Condividi

Immagini di fisici scultorei e messaggi di diete miracolose per una linea da top model. Così lo specchio dei social network miete vittime tra uomini e donne in crisi per via del confronto con influencer - il 78% ammette di esserne condizionato - e divi del cinema. L'idea di dover piacere a tutti i costi aumenta il desiderio di ritocchi, insieme a una crescente ossessione per il cibo e al rischio di vere e proprie patologie. "I social network sono diventati dei luoghi digitali che amplificano la visibilità delle nostre vite", spiega all'Adnkronos Salute Paola Vinciguerra, psicoterapeuta e presidente Eurodap…

Condividi