Molti genitori con figli piccoli sono arrivati a detestare le vocine di Peppa Pig, le musiche dei Super Pigiamini o i balletti di Masha e Orso. Ma ha davvero senso condividere la visione dei cartoon con il piccolo di casa? "Assolutamente no: quando mamma o papà sono presenti, l'ideale è spegnere gli schermi e chiacchierare. Specie alla sera, prima di andare a letto. Lo testimoniano i risultati di un'indagine che ho realizzato su bimbi sotto i 6 anni: alla richiesta se preferissero la sera guadare un cartone animato in tv, sul tablet o una fiaba raccontata dai genitori, la stragrande…

Condividi

Streghe, zombi e vampiri ‘fasulli’ per esorcizzare le paure dei più piccoli. Halloween, infatti, con i suoi macabri costumi è in grado di far ridere i bambini e cancellare in un colpo le più profonde paure. “Questa ricorrenza, festeggiata principalmente nei Paesi anglosassoni, ormai è diffusa quasi ovunque nel mondo ed è diventata sempre di più l’occasione per tutti di mascherarsi da personaggi terrificanti provenienti spesso dall’oltretomba” ricorda Eleonora Iacobelli, psicologa e vicepresidente Eurodap, responsabile trainer Bioequilibrium. “L’elemento simbolico tipico di questa ricorrenza – aggiunge – richiama al mondo di spettri spaventosi, delle streghe cattive su scope volanti, dei vampiri…

Condividi

La depressione è la seconda malattia più diffusa negli ultimi venti anni. In Italia si stima che più di tre milioni di persone soffrono di crisi depressive. Le donne sono quelle più colpite da questo problema considerato la seconda malattia più diffusa e pericolosa negli ultimi venti anni. Causa disabilità e morte dopo le malattie cardiovascolari. In Italia, secondo le ultime stime, soffrono di depressione più di 3 milioni di Italiani e, di questi, più della metà è rappresentata dal sesso femminile. La depressione è un disturbo psichicocaratterizzato da un bassissimo tono dell’umore che si protrae per la maggior parte…

Condividi

Se i più piccini in molti casi hanno già ripreso il nido o la scuola materna, il primo giorno di scuola si avvicina per bambini e ragazzi italiani. Un momento "delicato e destabilizzante", specie per chi si trova ad affrontare il debutto in un nuovo ciclo scolastico, "ma che oggi spesso scatena ansia più tra i genitori che tra i bambini. Il problema è che mamme e papà moderni sono estremamente protettivi, ma in maniera disturbante, nei confronti dei figli". Parola di Paola Vinciguerra, psicoterapeuta, presidente Eurodap (Associazione europea per il disturbo da attacchi di panico) e direttore scientifico del centro…

Condividi

Al rientro dalle vacanze un italiano su due soffre della Sindrome da Post Vacation Blues. Si manifesta con irritabilità, insonnia, stanchezza cronica. Ecco i consigli degli esperti per superarla. Le ferie sono ormai concluse per la maggior parte degli italiani. Il rientro al lavoro e la ripresa della routine non si affrontano mai in stato di relax. Un italiano su due soffre della sindrome da "Post Vacation Blues". I sintomi sono mal di testa, fiacchezza, mancanza di sonno, stordimento appena rientrati in ufficio. “I primi giorni dopo le vacanze, per un consistente numero di persone. Si registrano disturbi del sonno…

Condividi

07/2019
Si aspettano così tanto le vacanze estive che quando arrivano si fa fatica a credere di non riuscire finalmente a godersele e a rilassarsi. Ma per molti prendersi una pausa dagli impegni e dalla frenesia di tutti i giorni non è affatto scontato. Anzi, spesso, è più faticoso del lavoro stesso. La prova, sono i racconti che sentiamo a settembre quando molti dicono di essere più stanchi del momento in cui sono partiti. "Sempre più spesso infatti ci troviamo in vacanza ma non riusciamo a rilassarci veramente", conferma Paola Vinciguerra, psicoterapeuta, presidente Eurodap (Associazione Europea Disturbi da Attacchi di Panico) e…

Condividi

In vacanza sì, ma sempre connessi. Non importa che ci trovi al mare o in montagna: l'attività preferita per gli adolescenti è essere in Rete, in particolare sui social. Basta guardarsi intorno per vedere i giovanissimi sotto l'ombrellone, sul lettino o addirittura sul materassino armati di smartphone o tablet, che si sfogliano le pagine dei social network e si scattano foto da postare. Dallo svago alla cyberdipendenza, il rischio è che ansia e malessere prendano il sopravvento, si perdano ore di sonno e cresca l'irritabilità. "L'utilizzo della Rete nella vita di tutti i giorni è ormai sempre più inevitabile e…

Condividi

07/2019
Niente pernottamento ma spa e relax solo per poche ore al giorno. Siete stressati e le vacanze sembrano ancora piuttosto lontane? Niente panico, la soluzione è dietro l’angolo grazie alla startup tutta italiana “DayBreakHotels.com” che, lanciando la “Daycation”, permette di prenotare mini vacanze della durata di qualche ora a pochi minuti da casa, in strutture extra lusso e a prezzi stracciati. Come fare? Basta cliccare su www.DayBreakHotels.com (o aprire la app), individuare un quattro o cinque stelle vicino e riservare per una mezza giornata in fascia diurna una camera abbinata a spa, piscina e palestra. Il risparmio è garantito: si…

Condividi

Sole, mare e ansia da prova costume. Torna l’estate e come ogni anno l’idea di affrontare le vacanze in bikini mette in difficoltà. Tanto che, secondo un'indagine, a boicottare la spiaggia, per non doversi mostrare senza vestiti, è più di un italiano su due. Un connazionale su tre dichiara di sentirsi a disagio con il proprio corpo, mentre per due su tre il peso diventa un problema di autostima. “La prova costume si presenta ogni anno come un pensiero tormentoso - spiega Paola Vinciguerra, psicoterapeuta, presidente Eurodap (Associazione Europea per il Disturbo da attacchi di panico) e direttore scientifico del…

Condividi

La terra torna a tremare e insieme torna la paura: la sensazione di essere inermi di fronte a un terremoto e l’angoscia per quanto potrebbe accadere può scatenare infatti crisi d’ansia pronte a sfociare in veri e propri attacchi di panico. “L’odore della paura rimane forte. Sono in modo particolare i 40-50enni a rischiare di più gli attacchi di panico, conseguenza della paura di morire, perché hanno il peso delle responsabilità familiari, quindi casa, figli spesso piccoli, genitori anziani; sentire addosso tutto questo può portare a tremende crisi di ansia che possono degenerare”, afferma Paola Vinciguerra, psicoterapeuta, presidente Eurodap, direttore…

Condividi